Woman in dental clinic looking into mirror

Protesi


I ponti e le corone devono essere cementati solo su denti e impianti senza tasche patologiche, ovvero con tasche inferiori a 5,5 mm, ovvero senza difetti tali da comprometterne la durata nel tempo.

“Tasche con profondità al sondaggio maggiori di 5 mm hanno un rischio di recidiva 12 volte maggiore rispetto a tasche minori o uguali a 4 mm. Denti pluriradicolati con lesioni delle forcazioni hanno maggior rischio di essere persi rispetto a denti senza coinvolgimento delle forcazioni.”

 

Il disciplinare 07, ispirato alla frase tratta dal “Progetto Terapia” della Società Italiana di Parodontologia ( http://www.sidp.it/Progetto-Terapia.html) a pagina 39, è per noi un importante indicatore di qualità clinica.

Le protesi fisse, come le corone ed i ponti, hanno normalmente una previsione di durata molto lunga: 10 – 15 anni, o più. Tale previsione di durata e la capacità di sostituire, a volte addirittura migliorando, una dentatura naturale, permettono alle nostre corone in ceramica di costituire un eccellente investimento in qualità di vita.

L’Odontoiatra che si accinge a utilizzare un dente per costruire una protesi DEVE avere le conoscenze parodontali sufficienti a diagnosticare eventuali difetti della radice che ne comprometterebbero la durata e la stabilità estetica.

Il dentista con una sottile sonda parodontale a punta smussa andrà a controllare la presenza di tasche attorno all’elemento dentario. Un protocollo veloce e indolore in tal senso costituisce un importante screening per diagnosticare velocemente eventuali problemi parodontali.

Per uniformare gli strumenti diagnostici ad ogni settore della bocca viene dato un punteggio corrispondente al sondaggio meno favorevole, da 0 a 4, dove 4 indica appunto tasche maggiori di 5.5 in almeno un punto. L’asterisco significa presenza di particolari problemi anatomici, come ad esempio una forma della radice che tende ad accumulare batteri.

Qualora non fosse possibile attenersi alla regola per particolari problematiche del paziente, l’associato è tenuto a far firmare e conservare il consenso di terapia fuori standard d4, scaricabile qui:

Consenso Fuoristandard 7 protesi